VIAGGI

La vita è un viaggio che va reso meraviglioso. Viaggiando ci apriamo alla multiculturalità, superiamo limiti e confini del nostro interiore e cresciamo. Apprendiamo, scopriamo noi stessi riscoprendo la vita. Nel viaggio assaporiamo la libertà, la semplicità e ci apriamo a orizzonti senza limiti. Chi non viaggia non può rendersi conto delle proprie catene. I nostri viaggi tra spiritualità, magia e misticismo si svolgono nell’incanto del Perù. 

Da millenni l’uomo compie pellegrinaggi alla ricerca delle proprie radici ancestrali cercando di comprendere il significato della vita e del suo divenire. Da sempre si è spinto in luoghi ancestrali e potenti, in luoghi di potere cercando guarigione, comprensione con la Terra e con la Vita. 

Oggi il Perù è il luogo di maggiore potere tellurico, da qualche anno la forza del serpente, simbolo di vita chiamato kudalini in India, Amaru in Perù, si è spostato sopra le cime delle montagne andine dove l’uomo da sempre è in contatto con le divinità, gli Apukuna. Risvegliando la profezia andina Inkariy, l’Era della Luce e la venuta di una Nuova Coscienza nell’essere umano: l’Uomo Arcobaleno, il ritorno dell’Inka.

Cusco l’ombelico del mondo oggi è il centro di maggiore energia che stimola il cammino interno verso questo nuovo stato di coscienza. Il Perù è un luogo ancora legato alla Terra e che mantiene viva l’antica spiritualità. La sua spiritualità conserva viva elementi mistici, magici e misteriosi. Insegna l’arte della Fratellanza e delle Sorellanza e dell’Amore, l’arte di vivere nel Munay: Amore con Volontà. Esso offre al viaggiatore l’opportunità di fare un salto evolutivo verso il cammino di conoscenza ed illuminazione. 

LE NOSTRE PROPOSTE DI VIAGGIO

VIAGGI TRA I POPOLI DEL PERU’. HATUN KARPAY QERO: LA GRANDE INIZIAZIONE

Viaggeremo tra le stupende Ande incontrando gli ultimi discendenti degli Inka, i Qeros, il popolo delle nuvole, i padroni del Munay, l’Amore Incondizionato e dell’Ayni, la Sacra Reciprocità. Gli ultimi Custodi della Spiritualità, degli usi e costumi ancestrali del Culto della Madre Terra. Un viaggio affascinante e itinerante nei più bei luoghi del Perù incontrando i maestri delle spiritualità andina. Curanderos Sciamani conosciuti come Sacerdoti Andini Alto Misayoq, Pampa Misayoq.

I partecipanti avranno l’opportunità di imparare l’arte andina e di condividere questa grande esperienza con i sacerdoti della nazione Qeros che accompagneranno i partecipanti in questo splendido ritiro.

Sarà un viaggio, un pellegrinaggio di Trasformazione, Iniziazione alla Spiritualità della Madre Terra che ci trasforma in suoi Custodi, un privilegio di cui bisogna essere onorati.

PROGRAMMA

ITINERARIO CUZCO-MACHUPICCHU

In questa fase del ritiro, il partecipante sperimenta uno ad uno i 13 riti di iniziazione dell’Hatun Karpay Phaña (lato destro della tradizione), in una sequenza che si svolge nei santuari andini e Inkas, a cui si aggiungono altre attività di gruppo, cerimonie e meditazioni. 

GIORNO 1: CUZCO

Inizio del ritiro nel pomeriggio nella città di Cuzco. In mattinata e nel pomeriggio accoglieremo i partecipanti in aeroporto.

Rito 1 Karpay Ayni: Verrà eseguito il primo rito corrispondente allo scambio di potere personale con il lignaggio dei maestri Inkas (panaka).

GIORNO 2: CUZCO – TIPÓN – LAGOON WAKARPAY

Rito 2 Unu (Tipón): In questo giorno si effettuerà la purificazione e la benedizione del corpo energetico con lo spirito dell’acqua Ñusta. Serve anche a riaffermare la volontà di partecipare e ricevere la benedizione dell’Inka e di sua moglie Qoya.

Rito 3 Huáscar (Laguna di Wakarpay): In questo rito lavoreremo con il lignaggio Inka, con il quale verrà stabilito il contatto con lo spirito dell’Inka Huáskar, che nella tradizione è l’ultimo Inka degnamente incoronato. 

GIORNO 3: Q’ENQO – SACSAYHUAMAN – AMARU MACHAY – TAMBOMACHAY

Rito 4 Wañuy (Q’enqo-Tambomachay): In questo rito si lavorerà il tema della morte energetica. Si chiude un ciclo e se ne avvia uno nuovo con energie rinnovate, per lasciare il posto al risveglio del seme Inka.

GIORNO 4: VALLE SACRA – PISAC – OLLANTAYTAMBO

Rito 5 Inti Karpay (Pisac): In un recinto privato vicino al santuario verrà fatta l’offerta a Inti Karpay, che consentirà l’apertura dell’occhio solare e la connessione con Tata Inti, il sacro Sole degli Inkas.

Rito 6 Wayra Karpay (Ollantaytambo): questo rito di purificazione consente la connessione con lo spirito del vento.

GIORNO 5: MACHUPICCHU – TEMPIO DELLA LUNA

Rito 7 Pachamama (Settore Machupicchu-Tempio della Luna): In questo importante rito verrà lavorato il tema della connessione suprema con lo spirito sacro di Pachamama.

Rito 8 Ñusta Karpay (Machupicchu-Tempio della Luna): Attraverso questo rito verrà realizzato il collegamento con l’Ñusta andina di diversi colori, utilizzando le nicchie del tempio.

GIORNO 6: MACHUPICCHU – HUAYNAPICCHU

Rito 9 Apu Karpay (Machupicchu-Huayna Picchu): questo rituale consente la connessione con gli spiriti tutelari degli Apukunas, con Huaynapicchu, Machupicchu e Putucusi, incorporando la guida spirituale di questi papitos alleati.

Rito 10 Phutuy Karpay (Machu Picchu): questo rito permette la germinazione e la fioritura del seme Inka, ricevendo la benedizione dei tre mondi andini: Hanak Pacha, Kay Pacha e Ukhu Pacha.

GIORNO 7: MACHUPICCHU (CITTÀ)

Rito 11 Willka Ñusta (fiume Urubamba): questo rituale permette di entrare in contatto con i Ñustas del fiume sacro Vilcanota (Urubamba) e il loro spirito femminile.

GIORNO 8: VALLE SACRA – MORAY – MARÁS

Rito 12 Wiñay (Moray): Questo rito permette la crescita del seme Inka, che si manifesta con la corrispondente espansione dello stato di coscienza, che deve durare ed essere incorporato nella memoria collettiva della saggezza ancestrale.

GIORNO 9: TEMPIO DI RAQCHI

Rito 13 Wiracocha (Raqchi): Questo rito consente il passaggio ed è chiamato “incoronazione” che fornisce all’iniziato un fondamento tra il suo livello di coscienza e il passaggio al IV Livello della tradizione spirituale andina.

ITINERARIO PUNO-LAGO TITICACA 

GIORNO 10: UROS – ISOLA DI AMANTANI

Cerimonia Pachamama-Pachatata (Isola Amantani): questo invio di offerte a Pachatata bilancia e consente l’unità attraverso il principio della parità andina complementare.

GIORNO 11: ISOLA DI AMANTANI – ISOLA DI TAQUILE

Cerimonia del saluto al sole (Isola Amantani): Tata Inti sarà accolta alla maniera andina con canti e meditazioni.

Cerimonia Munay Karpay (Isola Amantani): La connessione con l’ñawi del cuore sarà stabilita rivolgendosi al munay, cioè lo sviluppo e la fluidità dell’energia dell’amore in tutte le sue aree.

GIORNO 12: PUNO – ARAMU MURU – SILLUSTANI

Qhaway Ceremony (Aramu Muru): questo rituale viene eseguito ad Aramu Muru, una solida porta di pietra che secondo le leggende consente l’accesso a una qualità di visione superiore. In questa fase verrà eseguita la cerimonia di espansione degli stati di coscienza con l’uso del tinya (tamburo sacro) andino e canti di potere.

Cerimonia di Aya Karpay (Sillustani): verrà svolto un lavoro sul tema della morte e sul tradizionale saluto andino agli antenati.

GIORNO 13: RITORNO A CUZCO

Chiusura del ritiro dopo colazione. Trasferimento in aeroporto dei partecipanti che rientrano nei paesi di origine e trasferimento in Amazzonia ai partecipanti che effettueranno il viaggio nella selva.

VIAGGIO NELLA SELVA AMAZZONICA NELL’ANTICA TRADIZIONE SHIPIBO-CONIBO

Un ritiro di evoluzione transpersonale nel cuore dell’Amazzonia dove faremo esperienza della Medicina Amazzonica Tradizionale.

Il ritiro è un’esperienza forte e trasformativa guidata da un Medico Vegetalista tradizionale, Sciamano del popolo Shipibo-Conibo. Faremo esperienza del tambo e dell’isolamento nella selva, della dieta amazzonica per acquisire conoscenza e potere. Ci immergeremo nelle conoscenze etnobotaniche dell’immenso patrimonio culturale del bacino amazzonico, sperimentando il potere della forte connessione con la Madre Selva. 

Il ritiro comprende Cerimonie Sacre, Bagni di Floricemiento, Rituali di Guarigione Ancestrali, Canti di Guarigione e lavoro sul corpo, Lezioni sulla Medicina e sulla cultura Shipibo. 

Durata 10 giorni. Programma da definire.

VIAGGIO A HUANCABAMBA NEL CUORE DEL CURANDERISMO

Huancabamba è un rifugio dal mistero profondo, dal volto mistico e incomprensibile dove la popolazione vive dagli arbori in un legame di tradizione e religione. Questa regione è leggenda in tutto il Perù per i potenti Curanderos (Guaritori, Sciamani..) meglio conosciuti come Maestri.  Un luogo non turistico e difficile da raggiungere, ma gente da tutto il Perù arriva in cima a questa montagna per partecipare ai Riti Sacri di Guarigione ed essere guarita nel corpo e nello spirito. 

Famosa per il potere delle sue lagune, della “Las Haringas”. Associate alla medicina tradizionale tra le più note la Laguna Shimbe, Laguna Nera usata dai curanderos per le loro guarigioni. Haringa è una parola Aymar che può prendere il significato di Dio, Forza, Potere, o anche Laguna Inka. 

Quando un occidentale pensa a un Brujos (mago) e a un Curandero (Guaritore) immagina pozioni, filtri e calderoni, niente di più assurdo. In Perù è la norma consultare un brujos o un curandero che tuttavia preferisco chiamare Maestri. I peruviani da ogni ceto sociale consultano un maestro. Questi sciamani vengono interpellati per curare un’infinità di malanni, dal mal di testa a malattie molto serie, dalla sfortuna cronica alle brujerie (riti magici). Il Curanderismo è così serio a Huancabamba che esiste un Associazione a tutela dei guaritori. 

Questo viaggio è unico ed è estremamente trasformativo. Lavoreremo a contatto con i Maestri partecipando a Cerimonie Ancestrali e a “Mesade”, Cerimonie di Guarigione che si svolgono nella notte, ognuno dei partecipanti potrà essere visitato e tenere una Sessione Personale con i maestri. Ci guideranno nello sviluppare consapevolezza ed apprendere importanti segreti.

Durata 10 giorni. Programma da definire.

Sei interessato ai nostri corsi di formazione, seminari o semplicemente vuoi provare una terapia individuale?

CONTATTI