Karay-okenda

RITIRO TRADIZIONALE GUARANI “PUÀ NHENGARAI”

Ritiro con Karai Okenda Moreira, curandero, pajé, uomo medicina con piu di 20 anni di esperienza con le piante medicinali del suo popolo, portavoce della sua cultura e dei popoli del Nord America (Navajo, Sioux,
Lakota, Cherokee), leader della danza del Sole e della Ricerca di Visione, con un’intima relazione di alleanza con il Santo Daime, Céu do Patriarca São José a Florianópolis (Brasile). Durante la cerimonia si consacra il tabacco, nella Petyngua (pipa) o nella foglia di mais, come pianta maestra principale, e anche altre piante di potere tradizionali della foresta. Il proposito di questa cerimonia è creare una connessione con il popolo Guarani Mbya e di supportare la tribù di Karai Okenda e suo padre Werá Tupã, riconosciuto guaritore anziano di 111 anni, nella salvaguardia della conoscenza ancestrale delle loro tradizioni. La missione di Karai Okenda è quella di condividere la sua conoscenza di cura e di preghiera per tutta l’umanità, e di fare conoscere la storia della sua nazione, che da più di 500 anni è minacciata da interessi privati, mantenendo una grande umiltà e volontà
di condividere e di aiutare nel cammino della vita.
Karai Okenda sarà accompagnato da Kunhatai va, la sua compagna, dal Cacique Karaidju e dal musico Antonio Barra. Karai è onorato di condividere la sua conoscenza con noi, attraverso questo lavoro di cura.
Nei giorni del ritiro Karai sarà disponibile per incontri individuali, per richiedere una guida
o un aiuto in qualche processo di guarigione fisica o spirituale.
AGUYJEVETE!

Il ritiro sarà condotto secondo la tradizione Guaranì Mbya, un intimo e profondo lavoro familiare
con Nhemonguetà (circoli di condivisione) con Petyngua (pipa Guarani) e Puã Nhengarai, cerimonie sacre tradizionali di potere . Nel pomeriggio di sabato 30 avrà luogo un cerchio di condivisione “Nhemonguetá” in cui il maestro Guaranì Karai Okenda (Guardiano del Portale) racconterà storie e condividerà canti originali del popolo Guarani Mbya. Nhemoguetá sono i circoli di condivisione com Petyngua.
Petynqua è uno strumento di parole. Il significato di Petyngua è “la fonte dela parola”. Ecco perché i Guaraní usano sempre la Petyngua nelle cerimonie e negli incontri perché è necessario parlare.
Nella Petyngua viene posto il tabacco, per il popolo Guarani il tabacco è molto importante perché ”Tabacco” è la parola e può essere usato con Petyngua o la foglia di mais. La foglia di mais significa ”La Terra” ed è per questo che si usa anche la foglia di mais per farsi conoscere. Il tabacco viene utilizzato nella cerimonia per poter aprire il canale di connessione, per accentuare una maggiore concentrazione e fermezza a livello mentale
ed anche per aprire la porta ad altre medicine.
Nelle notti del 29 e 30  luglio alle 21.00 avremo il grande privilegio
di partecipare alle cerimonie
“Puã Nhengarai”. durante il giorno verremo iniziati alle sacre pitture con simboli curativi che dipingeremo a coppie sul corpo , e alla conoscienza della medicina ancestrale del popolo Guarani.

Chi  e KARAI OKENDA

Una breve storia…

Camminando attraverso le foreste vergini di Santa Catarina, in Brasile, tra sorgenti di pura bellezza e abbondanza, vive la famiglia del Florianopolitano o nel gentile popolare, manezinho, Alcindo Moreira, meglio conosciuto con il suo nome battesimale Guarani, Werá Tupã, e Dona Rosa, la sua compagna di vita, che è tornata nella patria spirituale nel 2019. Cresciuto nella terra indigena Tekoa Itaty, Morro dos Cavalos, a Palhoça, Santa Catarina, attualmente vive con i suoi figli e nipoti nella terra indigena Tekoa Mymba Roka, nello stesso comune, vicino al suo luogo di nascita.

Questa è una bella storia da condividere.

Riconosciuto leader spirituale Guarani, del ramo della famiglia Mbya, Werá Tupã, tradotto come Tempeste di Fulmini, attualmente con 112 anni, un anziano che ha visto con i propri occhi suo padre João Sabino Moreira vivere 130 anni, e suo nonno Vicente Okenda vivere 128 anni, ha una memoria viva nel suo cuore sulla storia del popolo brasiliano. Il popolo Guarani, nei tempi precedenti l’invasione europea, occupava oltre il 60% del territorio ora noto come Brasile. Un popolo di proporzioni continentali, ha anche radici nelle terre argentine, paraguaiane, uruguaiane e boliviane, quindi è riconosciuto come Nazione Guarani.

Conosciuto per la sua capacità di grandi spostamenti terrestri, spesso chiamati camminatori, esploratori e comunicatori, data la grande eredità lasciata dalla costruzione di sentieri e strade in tutto il Sud America, il popolo Guarani coltivava legami di amicizia con altri popoli un po’ più lontani, ad esempio i Mapuche in Patagonia, gli Inca nelle Ande, i Maya nella regione caraibica, ma non solo. Considerando la profondità spirituale e la comunicazione attraverso la musica, alle alte frequenze, è consuetudine riconoscere che il popolo Guarani rappresenta il pianeta Terra in una società di dimensione interplanetaria, come altri popoli millenari, come gli egiziani, i persiani, gli indiani e i cinesi. Per questo motivo, Werá Tupã è uno dei più antichi leader spirituali nella vita di oggi, un uomo consacrato, portatore di grande conoscenza e potere. Chiamarlo extraterrestre non sarebbe un’esagerazione.

Molti buoni frutti sono nati da questa famiglia semplice e vera. Uno di questi frutti, già molto maturo, è suo figlio Geraldo Moreira, meglio conosciuto con il suo nome battesimale, Karai Okenda, anche lui un leader spirituale, un medico. All’età di 46 anni, con più di 20 anni di lavoro con le piante medicinali del suo popolo, è stato educato dal suo anziano padre e da lui ha imparato i segreti della foresta, il potere curativo, mantenendo il suo cuore come quello di un bambino puro e illuminato. Avendo al suo fianco la compagna Mayra Marsango, battezzata Kunhatai Yva, ha camminato con il popolo italiano, condividendo la sua ancestrale cultura amerindiana. Attraverso le sue mani curative, Karai Okenda o Guardiano del Portale, ci collega direttamente alla fonte della vita, al Padre Sole. Karai Okenda è un leader spirituale che è andato oltre i confini territoriali del suo popolo. Laureato in Pedagogia e Cosmovisione presso l’UFSC (Università Federale di Santa Catarina) a Florianópolis, insegna alle popolazioni indigene e non indigene la cultura e la lingua Tupi-Guarani. Inoltre, nel corso della sua passeggiata, ha coltivato legami con i popoli nativi del Nord America, come i Cherokee, i Navajo, i Sioux, i Lakota, i Creek, gli Apache, gli Hopi, i Cheyenne, tra gli altri, diventando all’interno della tradizione, leader della ricerca di visione e danza del sole, conduttore di Inipi Lakota e danzante dell’Aquila. Il lavoro condotto dalla coppia Karai Okenda e Kunhatai Yva nel territorio italiano mira a creare un legame di amicizia con la loro gente, tribù e famiglia, condividendo la loro cultura e conoscenza nella linea della cura in tutte le dimensioni, fisica, spirituale, mentale, emotiva ed energica.

Lavorare con il popolo Guarani è un esercizio di comprensione più ampia, relativo al significato di ciò che è la collettività. Il sentimento di appartenenza, unità e famiglia nasce mentre ci sediamo, quando si forma una tribù e si stabilisce una catena di amore e pace nei nostri cuori.

Contiamo sulla presenza molto speciale, nell’opera di guarigione condotta in Italia, del Capotribù Ronaldo Antônio Barbosa, del battesimo Karai Mirim Ivy, di uno Xondaro, in traduzione letterale, un guerriero, portatore di musica, che ci permette di raggiungere una dimensione ancora più profonda e più alta nei processi di guarigione con le piante medicinali. Il Capotribù Ronaldo, laureato in giurisprudenza indigena presso l’UFSC, è anche responsabile dell’amministrazione di grandi terreni indigeni sulla costa meridionale dello Stato di San Paolo, comune di Itariri, Brasile, terra indigena Tekoa Arandu, oltre a insegnare alle popolazioni indigene delle loro tribù la cultura e la lingua del loro popolo. In queste terre, insieme a Karai Okenda, guida la ricerca di visione adattata all’universo Guarani, dove i cercatori sono iniziati e possono digiunare e pregare per una visione.

Karai Okenda porta con sé, come leader del suo popolo, una grande responsabilità come figlio, padre, fratello, compagno, all’interno del suo lignaggio familiare, che copre l’intera regione meridionale e sud-orientale del Brasile, oltre al suo legame familiare in Italia. Ha anche un rapporto di amicizia e lavoro con altre linee spirituali, come la Dottrina Santo Daime, in particolare con le comunità Céu do Patriarca São José a Florianópolis, in Brasile e Céu di Santa Maria Delle Rose in Valchiusella in Italia, la linea sufi con sede in Italia e Germania, e tanti altri leader spirituali, indigeni o non indigeni, di altre etnie sia in America Centrale che in Sud America e in Europa.

In questo viaggio cosmico, insieme a questa famiglia galattica, ricordiamo quanto sia bello vivere la nostra propria vita. Il significato del tempo cambia e assume altre proporzioni. La parola acquista un altro valore e consapevolezza.

Ringraziando così tutte le nostre relazioni, la Nazione Guarani, le quattro, sei e sette direzioni, gli elementali, acqua, fuoco, terra e aria, minerali, piante e animali, Madre Terra e Padre Sole, il Grande Spirito, il Grande Mistero, Nhanderu, chiedendo cammini aperti, abbondanza, salute, pace e felicità a tutti gli esseri visibili e invisibili.

Aguyjevete!

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Data

29 - 31 07 2022
Expired!

Ora

All Day

Luogo

Pachamama te habla
Sarnano (mc)
Categoria

Data

29 - 31 07 2022
Expired!

Ora

All Day

Luogo

Pachamama te habla
Sarnano (mc)
Categoria

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.